Mobile Seo: come le app cambiano il marketing

Posted by on dic 13, 2011 in Blog | No Comments

In questo blog ho spesso parlato (e spesso parlerò) delle tecniche per ottimizzare un teso o un sito in chiave Seo e renderlo appetibile per i motori di ricerca. Con l’avvento degli smartphone, però, anche il mondo del Seo e del web searching è destinato a cambiare.

Si parla quindi di Desktop Seo (quello del quale vi ho descritto alcuni trucchi del mestiere) e di Mobile Seo, argomento molto importante per non rischiare di rimanere indietro con i tempi che corrono e per non perdere una quantità rilevante di lettori o, in generale, di utenti potenziali. Dopotutto l’internet da dispositivi mobili ha definitivamente scalzato dal trono il web searching da casa o dall’ufficio mediante l’utilizzo di pc fissi o laptop.

Il mobile marketing, ovviamente, deve poter beneficiare di strategie totalmente diverse visto e considerato che i motori di ricerca degli smartphone utilizzano spesso algoritmi differenti da quelli abituali.

Ma cosa cerca un utente internet mobile? Spesso l’oggetto del desiderio è una applicazione. E allora come ottimizzare i contenuti della vostra app in modo che, in una ricerca, figuri tra i primi risultati? Fondamentalmente possiamo considerare il nome dell’applicazione come se fosse il titolo di un articolo Seo. Utilizzeremo, quindi, le keywords che ci interessano già in esso, rafforzandolo nel badge e nella sintesi che spiegherà all’utente le potenzialità dell’applicazione.

Dopo questa piccola ma fondamentale accortezza scegliamo il nome dell’applicazione in questione. Per farlo dobbiamo sempre ricordare che molto spesso i nomi più banali corrispondono alle app più scaricate. Una parola onomatopeica che faccia parte della sfera di azione dell’app è un’idea ottima, ma possiamo anche giocare con delle parole composte.

Internet mobile sta progressivamente entrando nella nostra vita con una forza inaudita, è naturale, quindi, che richieda di essere considerato all’interno dell’operatività di una strategia di marketing mirata e funzionale. Non siete d’accordo?

Leave a Reply